Basilica di San Giovanni a Finalmarina

La grande chiesa barocca della Marina del Finale

La basilica di San Giovanni Battista a Finalmarina costituisce uno dei più prestigiosi edifici di culto seicenteschi del ponente ligure. La chiesa si presenta con una maestosa facciata barocca che domina uno slargo circondato da antichi palazzi nobiliari.

Nel 1567 il vescovo di Savona Ambrogio Fieschi ordinò alla Comunità di Finalmarina di costruire una nuova chiesa in quanto l’antica “Pieve del Finale” era ormai cadente e emarginata rispetto all’abitato che si era andato sviluppando lungo il litorale.

Dopo un iniziale trasferimento della parrocchiale nell’oratorio di Sant’Antonio alla Marina, nel 1619 iniziò la costruzione della nuova grande basilica barocca, che fu conclusa solo nel 1674, dopo 55 anni di lavori.

Nel 1762 fu completata la facciata su disegno dell’architetto finalese Nicolò Barella, che progettò anche la grande cupola costruita nel 1780. Erano passati oltre 160 anni dalla posa della prima pietra dell’edificio, la cui costruzione fu sostenuta con grandi sacrifici dalla popolazione della Marina, in primo luogo dai padroni di barche riuniti nella Compagnia di Sant’Ermete.

APPROFONDIMENTI – Basilica di San Giovanni a Finalmarina

L’armoniosa facciata con decorazioni a stucco, recentemente restaurata, è arricchita da due piccole torri campanarie laterali, con una cimasa sormontata dalle statue di San Giovanni Battista, di San Pietro e di San Paolo.

L’interno della chiesa è impostato su un tipico impianto a basilica su tre navate divise da slanciate colonne binate in marmo bianco di Carrara, sul modello della prestigiosa chiesa di San Siro a Genova.

Il maestoso altare maggiore fu eseguito dallo scultore finalese Pietro Ripa nel 1701 con un tabernacolo centrale a colonne tortili e un volo di angeli che sorreggono il grande crocifisso.

A partire dal XVII secolo, la chiesa si arricchì di prestigiosi altari in marmi policromi posti nelle cappelle laterali, patrocinate dalle principali famiglie di Finalmarina e dalle numerose Confraternite locali.

Nella cappella dell’Immacolata Concezione, nel transetto sinistro, è collocata l’immagine della madonna oggetto di una particolare venerazione quale patrona della città: si tratta di una statua “vestita” con ricchi abiti sul modello spagnolo datata al 1681.

Nella navata sinistra, la cappella di San Pietro, un tempo appartenente alla “Confraternita per il riscatto degli schiavi” istituita nel 1648, ospita il gruppo ligneo con la “Apparizione del Cristo a San Pietro” eseguito da Antonio Brilla nel 1860, particolarmente venerato dai pescatori finalesi.

Nel 1830, il pittore Giuseppe Passano eseguì gli affreschi della volta della navata centrale con “Scene della vita di San Giovanni Battista” e le figure dei profeti e delle sibille nelle lunette. La decorazione della cupola fu realizzata invece dai pittori milanesi Felice e Giovanni Bella con figure dei “Dottori della chiesa” nelle lunette.

COME ARRIVARE

BASILICA DI SAN GIOVANNI A FINALMARINA

Come raggiungere il Sito

Finalmarina può essere raggiunta dagli svincoli dell’autostrada A10 di Feglino (solo per le provenienze da Genova, Torino o Milano) e di Finale Ligure (per tutte le provenienze), oppure percorrendo la SS 1, Via Aurelia. È inoltre sede della stazione ferroviaria di Finale Ligure.

Info

Orario di Visita

Calendario delle visite

GALLERIA

RIMANI AGGIORNATO

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

    Leggi l'Informativa sul Trattamento dei Dati Personali

RIMANI IN CONTATTO

CONTATTACI ORA

    Leggi l'Informativa sul Trattamento dei Dati Personali

X