Chiesa di Sant’Antonino di Perti

(XI secolo)

Una chiesa romanica nell’antico castello bizantino

La chiesa di Sant’Antonino sorge in un paesaggio incontaminato sul culmine di una ripida altura dell’entroterra del Finale, circondato dai resti delle mura di cinta e delle torri dell’antico castello bizantino, costruito tra il VI e il VII secolo d.C. per difendere la Liguria marittima dall’invasione longobarda.

Questa chiesa medievale, datata all’XI secolo, con la suggestiva cripta e le murature in Pietra di Finale costituisce un bellissimo esempio di architettura romanica immersa nella macchia mediterranea.

APPROFONDIMENTI – Chiesa di Sant’Antonino di Perti

La chiesa di Sant’Antonino fu costruita sul culmine di una ripida altura dell’entroterra del Finale, posta tra la valle di Perti e quella del torrente Aquila e circondata da alte falesie, dove tra il VI e il VII secolo fu costruito il castello bizantino destinato a proteggere il Finale dall’invasione longobarda con le sue mura di cinta e le sue torri.

La piccola chiesa, datata all’XI secolo, costituisce un bellissimo esempio di architettura romanica ligure, con murature costruite in piccoli blocchi squadrati di Pietra di Finale provenienti da una vicina cava posta in prossimità dell’Arma del Sambuco, sul versante occidentale del Bric Scimarco.

L’edificio presenta un’aula unica che termina in un’abside semicircolare con strette finestre a monofora disposte su due piani. Sul fianco sinistro si apriva una porta con un arco in conci squadrati, attualmente murata.

Nella parte absidale fu ricavata la cripta romanica, alla quale si accede attraverso una stretta scaletta ricavata sul lato sinistro della navata. La cripta all’interno presenta pareti suddivise da semicolonne che sorreggono archetti sospesi e una nicchia destinata al sacerdote, che vi officiava la messa.

In questo suggestivo ambiente si apre un cunicolo naturale carsico, secondo un’antica tradizione sede di un oracolo al quale si rivolgeva la popolazione locale.

La chiesa subì gravi danni durante il terremoto che colpì il Ponente ligure il 23 febbraio 1887. Come ricorda un’iscrizione dipinta all’interno, pochi anni dopo fu ricostruita la facciata nelle semplici forme di una cappella rurale, mentre l’interno della chiesa venne intonacato e dipinto secondo il gusto dell’epoca.

COME ARRIVARE

CHIESA DI SANT’ANTONINO

Come raggiungere il Sito

La chiesa è raggiungibile esclusivamente a piedi percorrendo il ripido e suggestivo sentiero che parte dalla Valle di Perti tra le case un tempo appartenenti alla famiglia Massaferro.

Visita

Il sito è visitabile nell’ambito del progetto di “Archeotrekking Finale” promosso dal Museo Archeologico del Finale e dalla Cooperativa Guide “Finale Natura”

Info

Orario di Visita

Calendario delle visite

GALLERIA

RIMANI AGGIORNATO

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

    Leggi l'Informativa sul Trattamento dei Dati Personali

RIMANI IN CONTATTO

CONTATTACI ORA

    Leggi l'Informativa sul Trattamento dei Dati Personali

X