Arma delle Mànie

Un secolare archivio di vicende umane

L’Arma delle Mànie è uno dei siti archeologici preistorici del Finalese tra i più suggestivi. La grande volta in pietra, ben visibile da lontano sull’Altopiano delle Mànie, racchiude una sequenza di strati archeologici che documentano la frequentazione umana tra il Paleolitico e il Neolitico.

In particolare sono molto rilevanti i livelli riferibili al Paleolitico medio quando la caverna era utilizzata dall’Uomo di Neanderthal.

Questa specie umana, vissuta tra 130mila e 38mila anni fa, viveva di raccolta di vegetali spontanei e caccia a cervo, capriolo, stambecco, cinghiale, bisonte, uro, cavallo, elefante antico, rinoceronte e ippopotamo. Studi recenti dimostrano che i Neandertaliani che vissero nell’Arma delle Mànie praticarono anche la caccia all’orso bruno e all’orso delle caverne.

APPROFONDIMENTI – Arma delle Mànie

La grotta ha conservato numerosi strumenti in pietra scheggiata realizzati dall’Uomo di Neanderthal e un incisivo di adulto rinvenuto durante il setacciamento di terreno rimosso che, su base morfologica, è stato attribuito dagli antropologi a questa specie umana, esposto al Museo Archeologico del Finale.

L’Arma delle Mànie presenta al suo interno diverse strutture in pietra a secco, torchi per la produzione del vino e dell’olio, carri e attrezzi agricoli, che documentano la lunga frequentazione d’uso di questa caverna anche in età storica.

COME ARRIVARE

ARMA DELLE MÀNIE

Come raggiungere il Sito

L’Arma è raggiungibile in macchina, a piedi o in bicicletta percorrendo una strada sterrata che scende dalla via provinciale di Le Mànie.

Info

Orario di Visita

Calendario delle visite

RIMANI AGGIORNATO

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

    Leggi l'Informativa sul Trattamento dei Dati Personali

RIMANI IN CONTATTO

CONTATTACI ORA

    Leggi l'Informativa sul Trattamento dei Dati Personali

X