Pipistrelli misteriosi

Le specie presenti sul territorio, il loro ruolo ecologico e le esigenze di tutela

I pipistrelli o Chirotteri sono gli unici mammiferi capaci di volo battuto. “Chiroptera” deriva dal greco e significa “mani alate”, perché le loro ali sono sottese dagli ossicini delle dita, lunghi e sottili, eccetto il pollice che è una specie di uncino con funzione deambulatoria.

Il corpo è ricoperto di peli e ricorda quello di un topino (in ligure il pipistrello è chiamato “rattopennugo” cioè “topo per le nuvole”), ma la pelle delle ali (o patagio) è nuda e molto delicata, e necessita di un’umidità almeno del 70% altrimenti rischia di lacerarsi.

APPROFONDIMENTI – Pipistrelli misteriosi

Per questa ragione diverse specie di pipistrelli sono legati ad ambienti di grotta, ma anche a boschi ed habitat antropizzati in località abbastanza umide (sottotetti, cascine abbandonate); alcune specie sono particolarmente adattabili e si riparano di giorno in fessure o tapparelle.

Nel Finalese le specie più importanti poiché rare in Liguria sono i Ferri-di-cavallo (Rhinolophus ferrumequinum e R. hipposideros) legate alle grotte, particolarmente nell’area di Pianmarino, o anche a cavità artificiali come le antiche miniere d’argento del Bric Gettina; lungo i corsi d’acqua maggiori (zona Calice e Rialto, in particolare presso la diga del Mulino) sono ben rappresentate anche le specie del genere Myotis che possono essere viste cacciare insetti sull’acqua.
I nostri pipistrelli cacciano di notte e sono accaniti divoratori di zanzare e piccoli insetti, arrivando a consumarne giornalmente una quantità pari al 30-40% del loro peso. Localizzano le prede grazie all’emissione e ricezione di ultrasuoni; particolari pieghe cutanee su orecchie e naso aiutano a percepire con precisione gli echi di rimbalzo, con frequenze non udibili per l’uomo ma registrabili con apparecchi dedicati (bat-detector). Nel loro ciclo vitale attraversano un periodo di letargo invernale molto delicato: se svegliati accidentalmente, possono morire di stenti per l’assenza di prede; è importante quindi rispettare la tranquillità dei siti di rifugio.

VISITA

Gli aspetti naturalistici, paesaggistici e storici del territorio sono al centro delle escursioni di “Finale Natura Landscape & Archeotrekking”.

Scopri il calendario completo nella pagina VISITE.

RIMANI AGGIORNATO

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

    Leggi l'Informativa sul Trattamento dei Dati Personali

RIMANI IN CONTATTO

CONTATTACI ORA

    Leggi l'Informativa sul Trattamento dei Dati Personali

X