Otto e Novecento

Società in trasformazione: il Finale tra Otto e Novecento

Al Congresso di Vienna, che nel 1815 decise l’annessione della Liguria al Regno di Sardegna, partecipò come segretario della delegazione genovese il conte Giorgio Gallesio (1772-1839), un esponente della piccola nobiltà di Finalborgo. Autore della “Pomona italiana”,

pubblicata con splendide tavole a colori, il Gallesio fu una delle più brillanti e note figure del periodo grazie agli studi botanici condotti nelle sue tenute dell’Aquila, citati anche da Charles Darwin.

OTTO E NOVECENTO – 1815-2000

L’Ottocento vide la progressiva modernizzazione del Finale, le cui risorse economiche erano in larga misura basate sulle attività marinare e sulla coltivazione di piccoli poderi agricoli.

Nel XIX secolo furono create le grandi infrastrutture, come la strada litoranea che univa i centri costieri e la ferrovia progressivamente collegò Genova a Nizza.

Una testimonianza della vita sociale e dello sviluppo economico del finale è costituita da due prestigiosi teatri ottocenteschi: il Teatro Sivori a Finalmarina e il Teatro Aicardi a Finalborgo.

Nel 1906, con l’inizio dell’industrializzazione in Italia, si installò a Finalmarina la Piaggio. Questa grande fabbrica inizialmente produceva vagoni ferroviari, ma con la prima Guerra Mondiale si convertì alla produzione di areoplani, diventando un punto di riferimento dell’industria aeronautica italiana. Il grande hangar costruito nel 1918 su progetto dell’ingegnere torinese Giuseppe Momo per la produzione di idrovolanti costituisce un pregevole esempio di archeologia industriale in cemento armato.

Nel 1927, il regime fascista impose l’unione dei Comuni di Finalmarina, Finalpia e Finalborgo sotto un’unica amministrazione: nasceva in questo modo l’attuale Città di Finale Ligure.

I cambiamenti sociali ed economici legati alla crescente ascesa in Italia della borghesia industriale e, in seguito, il benessere legato al boom economico del dopoguerra favorirono anche lo sviluppo delle attività turistiche lungo la Riviera.

Mappa dal 1815 d.C. – 2000 d.C.

X